Seguimi

Pubblicazioni



Manuale tecnico per il progetto e la verifica delle strutture in acciaio e delle connessioni bullonate e saldate ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 (Norme tecniche per le costruzioni) e delle Norme UNI EN 1993-1-1:2005 e UNI EN 1993-1-8:2005 - Con fogli di calcolo per la verifica di membrature e connessioni

Il presente volume ha lo scopo di avvicinare il lettore ai principi della progettazione e della verifica delle strutture in acciaio con riferimento alle Norme Tecniche sulle Costruzioni (D.M. 14 gennaio 2008) ed alle Norme Europee (UNI EN 1993-1-1:2005 e UNI EN 1993-1-8:2005). Le procedure di classificazione delle sezioni trasversali, di verifica di resistenza e stabilità delle membrature e la valutazione della capacità portante delle connessioni (bullonate e saldate) - presentate come schede tecniche - sono volte a definire un ordine logico per la creazione di fogli di calcolo. Svariate applicazioni numeriche sono state sviluppate per cogliere in modo concreto gli aspetti teorici più delicati e per invitare il libero professionista, anche neofita, a svolgere i calcoli manualmente al fine di validare i risultati ottenuti dai software agli elementi finiti.

Il volume si articola in sette capitoli che trattano i seguenti argomenti: proprietà degli acciai e caratteristiche meccaniche delle sezioni (compendio di formule per la determinazione delle proprietà meccaniche delle sezioni trasversali di uso comune, comprese quelle per il calcolo della torsione da ingobbamento impedito), considerazioni sull'analisi strutturale globale (disamina sulla classificazione dei telai nei confronti della stabilità trasversale e sulle procedure di calcolo del primo e del second'ordine), classificazione delle sezioni trasversali (procedure per la determinazione della classe di appartenenza di una sezione trasversale e costruzione del dominio di transizione di classe in funzione dell'intensità della forza assiale sollecitante), resistenza delle membrature (determinazione delle resistenze plastiche delle sezioni ricadenti in classe 1 e 2 e verifiche tensionali per le sezioni in classe 3 e 4), stabilità delle membrature (disamina di tutti i possibili meccanismi di instabilità dovuti alle sollecitazioni di compressione, flessione e pressoflessione biassiale), progetto e verifica delle connessioni (determinazione delle resistenze dei più comuni giunti nominalmente incernierati, delle connessioni rigide con coprigiunti e di quelle flangiate con il metodo T-stub) ed applicazioni numeriche.

L'acquisto del presente volume consente, attraverso il servizio G-cloud di Grafill, il download di un software per la gestione di:

- Fogli di calcolo (*.xls), utili alla comprensione delle metodologie di verifica di membrature e connessioni (i files contengono le spiegazioni per l'utilizzo e le formule per la determinazione delle grandezze);
- Glossario (principali termini tecnico-normativi utilizzati);
- F.A.Q. (domande e risposte più frequenti sugli argomenti principali);
- Test iniziale (verifica della formazione di base);
- Test finale (verifica dei principali concetti analizzati).

 

RECENSIONE DELL’INGEGNER BENEDETTO CORDOVA 

Tratto dalla rivista COSTRUZIONI METALLICHE di Luglio e Agosto 2013

Semplice chiaro completo: tre aggettivi che ben descrivono, a nostro avviso, il libro di Simone Caffè, un corposo manuale tecnico di 560 pagine con il quale affrontare la progettazione delle strutture in acciaio e delle loro connessioni.

Semplice nello stile, ma senza rinunciare per questo al rigore dell'esposizione, il testo mescola la giusta quantità di trattazione teorica dei problemi con una esposizione pratica delle procedure per il calcolo delle strutture in acciaio e con numerosissimi esempi numerici. Il libro si muove nella tradizione italiana, invocata con nostalgia dall'Autore nella sua prefazione, degli ormai introvabili "quaderni tecnici" dell'Italsider, ed in quella, più recente ma europea, delle procedure ed esempi di calcolo del sito dell'Access Steel.

Chiaro nel riuscire ad esporre nel testo ed a sintetizzare, sia in utilissime e schematiche tabelle che in complete schede tecniche, le regole di progettazione dell'Eurocodice 3 (alla base delle nostre Normative) che sono certamente poderosi e perciò complesse, ma non sufficientemente chiare per una pratica applicazione, e ciò per precisa scelta di chi ha sviluppato le norme europee, volute più come una esposizione di principi fondamentali che come un manuale pratico per l'utilizzo da parte del progettista.

Completo, perché l'Autore tratta in egual misura sia i temi del calcolo e verifica delle strutture che quelli del dimensionamento delle connessioni, in modo da fornire al lettore, studente o professionista che sia, un manuale che copra tutte le sue necessità. Dopo un capitolo iniziale sulle proprietà degli acciai e le caratteristiche meccaniche delle sezioni, l'Autore svolge, nel capitolo 2, delle considerazioni estremamente chiare sull'analisi strutturale globale, mentre nel capitolo 3 tratta con dovizia di esempi il problema della classificazione delle sezioni. La resistenza e la stabilità delle membrature, argomenti chiave per la verifica delle strutture in acciaio, occupano i capitoli 4 e 5, mentre il calcolo delle connessioni, altro argomento fondamentale nel campo della progettazione delle strutture metalliche, viene svolto nel capitolo 6 e si estende per quasi 200 pagine, illustrando le principali tipologie di connessioni a taglio, attacchi a momento, giunti di continuità e piastre di base delle colonne.

Una lunga e completa serie di applicazioni numeriche, in aggiunta a quelle già presenti nei vari capitoli, riempie il finale capitolo 7. Da non trascurare le tabelle di portata dei profili che si trovano nelle appendici e gli utilissimi fogli di calcolo che sono scaricabili dal sito dell'Editore. Lo stesso Autore, con ammirabile modestia, ricorda al lettore gli argomenti che, nell'economia dello sviluppo del testo, ha dovuto rinunciare a trattare (quale libro non ne ha?), e cioè principalmente gli aspetti legati alla fatica ed al sisma. Certamente egli avrebbe potuto introdurre qualche frettoloso (ma poco utile al lettore) accenno a tali argomenti e vantare così una formale completezza del suo testo. Ma, con l'onestà intellettuale che gli riconosciamo, ha preferito rimandare la trattazione ad un secondo possibile libro che ci auguriamo egli possa senz'altro pubblicare, sicuri che lo affronterà con la medesima semplicità, chiarezza e completezza che fanno dell'attuale volume un'opera senz'altro da consigliare.

(Benedetto Cordova)